Oppure consulta le nostre ricette in ordine alfabetico
Cerca con Google
Ricerca personalizzata



{lang: 'it'}

Dolci Roma Milano

L’Italia è simbolo di cibi da sogno in tutto il mondo, e da nord a sud il Belpaese può vantare ricette deliziose e in continua evoluzione. Partendo da Roma con uno dei voli per Milano, si può percorrere la tradizione italiana attraverso i suoi dolci regionali.

Un dolce famoso tipico della capitale è il maritozzo, a base di farina 00, uova, burro, zucchero, uva sultanina, lievito e sale, e a Roma viene di solito farcito con la panna. Dal sapore dolce e delicato, sia farcito che semplice, il maritozzo accompagna bene sia il cappuccino che la fine di un pasto. Usato anche in passato in periodo quaresimale come unico sfizio concesso ai fedeli, veniva preparato sia nelle case che in tutti i panifici.

Oltre al panettone, tipico dolce milanese è il pan de mej, composto da farina gialla a grana grande e a grana fina, farina bianca, burro, zucchero, lievito, panna liquida, latte, uova, fiori di sambuco e una spruzzata di zucchero vanigliato poco prima che i piccoli panini ricavati dalla pasta vengano messi in forno a 200° per trenta minuti. Vanno serviti freddi con qualche cucchiaio di panna liquida.

Fatto con ingredienti genuini e rigorosamente freschi, è altamente energetico (per questo consigliato a colazione) ed è meglio consumarlo entro le 24 ore.

Altri dolci caratteristici romani, oltre alle tante gustosissime crostate come quella alla ricotta, è il pangiallo, delizia composta da uva passa, mandorle, noci, nocciole, pinoli, miele, cacao e cioccolato grattugiato.

Invece, il più famoso dolce di origine milanese non ha bisogno di presentazioni: il panettone ormai è conosciuto e amato in tutto il mondo ed è il protagonista assoluto delle tavole in periodo natalizio. Tradizionalmente alto, è diffusa anche la versione piemontese più bassa e larga e il semplice pandoro a base a stella.

La ricetta del panettone si basa su un impasto lievitato a base di acqua, farina, burro, uova e a cui si possono aggiungere a piacimento piccole scorze di arancio e cedro, uvetta o canditi. Nato circa 500 anni fa, ai tempi di Ludovico il Moro, ancora se ne rispetta la ricetta tradizionale, e ogni anno vengono prodotti milioni di pezzi.


Ti piace questo post? Condividilo!
  • Facebook
  • Twitter
  • StumbleUpon
  • PDF
  • Print
  • email
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • RSS
  • Wikio IT
  • FriendFeed
  • Tumblr
  • del.icio.us
  • Digg
  • Reddit

Ricette e articoli correlati:

Bookmark and Share

Lascia un Commento

Categorie
Seguici anche qui!
Diventa fan di
Dolcitorte.it su Facebook




Dolcitorte.it su Twitter



Guarda anche i nostri video

Guarda i nostri video!
Dolcitorte.it newsletter

Subscribe to our newsletter

Riceverai una e-mail con un link per confermare la tua iscrizione (controlla la tua cartella di SPAM se non ricevi nulla in Posta in arrivo)
Sendit Wordpress newsletter